TRENTO: Prima seduta del consiglio provinciale. Fumata nera per l'elezione del presidente dell'aula ** ** TRENTO: Vasta operazione antidroga dei carabinieri. Scoperto un gruppo di narcotrafficanti a Castello di Fiemme. Emesse 18 ordinanze di custodia cautelare. Sono state calcolate in circa un migliaio le cessioni di cocaina compiute in otto mesi nelle valli di Fiemme, Fassa e Cembra ** ** SAGRON MIS: Tragedia nei boschi, boscaiolo di 28 anni perde la vita travolto da un tronco. Indagano i carabinieri per chiarire l'accaduto ** ** GRUMES: Incidente stradale verso le 8. Un 19enne ha perso il controllo della sua auto scontrandosi con un camion. E' grave ** ** FOLGARIA: Giovedì alle 14.30 nella chiesa parrocchiale i funerali di Alessandro Pighetti, ucciso dal compgano della madre Massimo Toller che poi a sua volta si è suicidato. Funerali separati per i due ** ** CAVALESE: Anche i sindacati esprimono perplessità per la riapertura del punto nascite. "Al primo posto deve esserci la sicurezza di mamma e bambino" - scrivono. "Bisognerebbe strutturare nelle valli dei percorsi nascita completi" ** ** METEO: Prima neve sul Trentino, con fiocchi a quote basse arrivati alle porte del capoluogo

Appuntamenti

FESTA DI SAN NICOLO' CON I KRAMPUS IN PIAZZA

In tutta la Valle di Fassa evento attesissimo da tutti i bambini, è la festa di San Nicolò che si svolge tra il 6 e il 7 dicembre. La ricorrenza è particolarmente sentita a Pozza di Fassa dove San Nicolò è il santo Patrono. Qui il Santo protettore dei bambini fa la sua apparizione tra le vie del paese con la sua lunga barba bianca accompagnato da due angeli e dai “krampus”, creature diaboliche che trascinano pesanti catene e che spaventano i bambini. Ogni anno sono sempre di più i krampus capitanati dai padroni di casa - I Krampus da Poza - che accorrono dal Trentino Alto Adige e dall’Austria per questa sfilata lungo Strada di Meida a Pozza di Fassa, in un corteo dedicato ad un pubblico temerario. Queste figure dall'aspetto tra l’animalesco e il diabolico, in un misto di sacro e profano che si fonde in riti legati al passaggio delle stagioni, sono parte integrante della cultura ladina. Tradizionalmente, la loro missione è quella di "spaventare" i bambini cattivi, ma non solo. La parata quest’anno si svolgerà il 7 dicembre a Pozza di Fassa con partenza alle 20:30 dalla chiesa di San Nicolò e arrivo in Piazza de Comun dove ci sarà musica, ristoro e intrattenimento per tutti.

Leggi tutto...

A SEN JAN UN IPPOCASTANO PER LA PACE

Domenica il comune di Sen Jan e la Scuola Ladina di Fassa organizzano un consiglio comunale speciale per la pace a cent'anni dalla fine della Grande Guerra. Alle 10:00 il programma prevede la santa messa alla chiesa di Pozza di Fassa, a seguire alla sala del consiglio ci saranno i discorsi delle autorità. Alla fine al monumento dei caduti è previsto un altro momento significativo: verrà piantato un ippocastano simbolo della pace.

Leggi tutto...

INIZIATIVE IN FAVORE DELLE MINORANZE: DOMANDE ENTRO IL 30 NOVEMBRE

Valorizzare e sviluppare i gruppi linguistici meno numericamente diffusi sul territorio regionale: questo l’obiettivo dell’attività di tutela e promozione delle minoranze linguistiche regionali svolta dalla Regione. Le organizzazioni interessate possono presentare domande di finanziamento per il sostegno di iniziative e attività finalizzate al consolidamento della lingua minoritaria, alla valorizzazione degli elementi culturali che caratterizzano le comunità di minoranza, allo studio e alla ricerca per la salvaguardia e la conservazione del patrimonio culturale. Sono previsti anche interventi nel campo dell’alta formazione, della la comunicazione, dell’organizzazione di manifestazioni ed eventi che contribuiscano al consolidamento dell’identità e delle radici storiche della comunità di minoranza. Le domande di finanziamento per la realizzazione, nell’anno 2019, di singole iniziative e progetti dovranno essere redatte utilizzando la nuova modulistica e presentate alla Regione (Ufficio per le Minoranze linguistiche e Biblioteca - sede di Trento, via Gazzoletti 2 - sede di Bolzano, piazza Università 3) entro le ore 12.30 di venerdì 30 novembre 2018. Maggiori informazioni, modulistica e normativa di riferimento sono disponibili online nel sito Internet della Regione - sezione Minoranze linguistiche, all’indirizzo: www.regione.taa.it/Minoranze/iniziative.aspx

Leggi tutto...

FASSA FA I CONTI CON IL MALTEMPO

FASSA FA I CONTI CON IL MALTEMPOLa Valle di Fassa fa i conti con i danni del maltempo. Lunedì 12 novembre nel pomeriggio si è svolto un incontro alla presenza del presidente della Provincia, Fugatti.

video notizia

Leggi tutto...

LA PIMPA TRADOTTA ANCHE IN MOCHENO, CIMBRO E LADINO

Due serie e settanta episodi in tutto. Questi sono i numeri di "La Pimpa" la simpatica cagnolina protagonista del fumetto italiano disegnato da Francesco Tullio Altan che negli anni Settanta ha conquistato grandi e piccini dalle pagine del Corriere dei Piccoli. Personaggio creato per la figlia del disegnatore, Pimpa in anni più recenti è diventata anche protagonista di una serie di cartoni animati molto fedeli alla versione originale del fumetto che ancora oggi sono trasmessi da Rai Yoyo. La Pimpa è un cartone animato prettamente pensato e dedicato ai bambini anche piccoli. Come ha spiegato il suo creatore Altan in una recente intervista, il personaggio nasce come un gioco e senza intenti morali. I cartoni animati della Pimpa ritenuti rassicuranti per i piccoli telespettatori e al tempo stesso capaci di offrirgli un'esperienza positiva della vita quotidiana sono stati ritenuti utili per l' insegnamento ai bambini delle lingue germaniche di minoranza. Tanto che il Comitato unitario delle isole linguistiche storiche germaniche in Italia ha realizzato il doppiaggio del DVD “Pimpa una giornata speciale” in 9 lingue germaniche, tra cui anche il mocheno e il cimbro. Il Dipartimento per le Minoranze Linguistiche della Provincia Autonoma di Trento ha ritenuto utile l'esperienza fatta dal comitato nazionale e ha ripetuto l'operazione con il doppiaggio di "La Pimpa" in ladino, cimbro e mocheno con i seguenti titoli: "N di fora di autri", "A tage az be biane åndre" e "An ausondern to".

Leggi tutto...

MARCIALONGA: LA PISTA VERRA' RIPRISTINATA IN TEMPO

Il maltempo che la scorsa settimana ha flagellato l'intera regione nelle valli di Fiemme e Fassa ha lasciato danni al patrimonio boschivo e paesaggistico ora esposto ad un maggior rischio idrogeologico che ci vorranno decenni per ripristinare. La pioggia, il vento e le frane hanno eroso parte della pista ciclabile delle due vallate su cui si svolge la Marcialonga, la celebre ski marathon giunta alla 46esima edizione. Nonostante i danni da maltempo il comitato organizzatore ha annunciato che la manifestazione sportiva che attira migliaia di fondisti da tutto il mondo si svolgerà regolarmente come da programma il prossimo 27 gennaio. I 70 km di percorso con partenza dalla piana di Moena e arrivo a Cavalese verranno passati in rassegna: gli alberi caduti verranno rimossi, i tratti erosi ripristinati nei tempi utili allo svolgimento della competizione. L'unico grosso problema è la caduta del ponte in località Cascata che le autorità hanno già detto verrà ripristinato con una struttura in metallo. Fortunatamente i cannoni per l' innevamento artificiale che erano già stati posizionati non sono stati danneggiati e non appena le temperature lo consentiranno entreranno in azione.

Leggi tutto...

VALLI DI FIEMME E FASSA FLAGELLATE DAL MALTEMPO, UNA SERATA INFORMATIVA PER LA POPOLAZIONE

I danni del maltempo sono stati analizzati in una serata organizzata dal comune di Predazzo aperta alla popolazione per informarla sulla situazione del paese e dell'intero territorio delle valli di Fiemme e Fassa. Un'occasione per conoscere e dimostrare riconoscenza al corpo dei Vigili del Fuoco che nelle ore dell'emergenza si sono prodigati per far fronte alle tante richieste di aiuto e supporto. Lo ha sottolineato la sindaca Maria Bosin in apertura, ricordando tutti coloro che hanno contribuito ai soccorsi: GdF, Polizia, il servizio strade con il responsabile per le valli dell’Avisio Paolo Zotta, il servizio dighe e i privati, la parrocchia che ha messo a disposizione la Casa Maria Immacolata per alcuni sfollati, la squadra boschiva, il custode forestale, gli operai e gli uffici comunali. La prima preoccupazione vista la bomba d'acqua che si è abbattuta in quelle ore è stata rivolta alla diga che ha salvato il paese dall'alluvione, riuscendo a contenere l’evento. Il rilascio dell'acqua in eccesso è iniziato solo martedì. Nella conta dei danni purtroppo il bosco è quello che ha subito di più: circa 150- 200 mila metri cubi di foreste sono andati distrutti solo nelle proprietà della Magnifica Comunità di Fiemme, che corrisponde grosso modo a 4- 5 anni di ripresa normale. Ora si attende di poter partire con un piano per il recupero del legname. Danneggiata dalle raffiche di vento anche la rete elettrica di alcuni comuni, prontamente ripristinata e la rete viaria. La stima effettiva dei danni è ancora in via di elaborazione ma il bilancio per la parte ambientale e paesaggistica è pesantissimo. Da conteggiare anche il danno materiale perchè la Magnifica Comunità sulla parte bosco non è assicurata. Nel corso della serata è stata ripercorsa ora per ora la giornata di lunedì 29 ottobre raccontando gli eventi eccezionali che si sono susseguiti: il cedimento del rio Pozze, quello del Rif dal Pis (rio inesistente per la maggior parte dell’anno, ma che quando piove si scatena), il rio alle Coste e l’isolamento di Bellamonte che ha visto impegnata la squadra boschiva fino a notte inoltrata per liberare la strada e consentire il collegamento con l’ospedale. Un lungo elenco di interventi e azioni da parte dei soccorsi che ha dato davvero il segno della tempestività con cui sono stati effettuati. La popolazione accorsa in massa ha ascoltato con interesse e apprensione la narrazione degli eventi, la stima dei danni e dei tempi di ripristino.

Leggi tutto...

VALLE DI FASSA: PERICOLOSO ANDARE PER SENTIERI

La SAT - Società Alpinisti Tridentini dalle pagine del suo sito mette in guardia escursionisti e appassionati di montagna dall'andare per sentieri, perchè è diventato pericoloso. Andare per sentieri è diventato pericoloso. Prima di intraprendere escursioni bisogna valutare attentamente e con responsabilità le condizioni delle strade forestali e dei luoghi in cui addentrarsi. Frane, smottamenti, schianti di alberi, piene di rivi e torrenti possono rendere estremamente pericoloso, se non impossibile, il transito lungo alcuni itinerari. L'appello è sottoscritto e sottolineato dalle sezioni di Fassa (alta, media e bassa valle) perché il territorio di competenza è stato particolarmente segnato dal vento e dalle piogge torrenziali. Dopo una sommaria esplorazione le tre sezioni affermano che la maggior parte dei sentieri sono impraticabili e lo rimarranno per molto tempo. Solo in primavera, in base anche alla progressione delle squadre boschive, sarà possibile aggiornare la percorribilità che comunque resterà difficoltosa. Impossibile liberare tutti i percorsi nei mesi invernali e altri, con la buona stagione, saranno coinvolti nell'attività di esbosco e quindi vietati. Un appello è rivolto anche agli escursionisti invernali (scialpinisti e ciaspolatori) che di norma non seguono fedelmente i tracciati. Oltre al pericolo rappresentato dai tronchi sommersi dalla neve, c'è una nuova (antica) insidia da fronteggiare: la slavina. I versanti ora nudi e spogli costituiscono dei piani inclinati perfetti per distacchi di neve. Il grado di pericolo del bollettino delle valanghe quindi va aggiornato alla nuova situazione. Per tutti l'invito alla prudenza e alla consultazione delle numerose fonti di informazione a cui oggi possiamo accedere.

Leggi tutto...

L CIRCO DI TALENC: SPETTACOLO PER LA RACCOLTA FONDI

Venerdì 9 novembre alle 20:30 al'oratorio di Pozza va in scena lo spettacolo dal titolo ""L circo di talenc" dell'associazione Inout nata per organizzare e promuovere attività legate al mondo giovanile della valle di Fassa. Tra gli eventi già proposti lo spettacolo dei giocolieri di "Circensema", che da un paio di anni vivacizza feste per la comunità di Fassa e per i turisti. Il ricavato di "L Circo di talenc" in accordo con il Comun General de Fascia e le filodrammatiche di Fassa sosterrà le attività di Ciasa de Paussa di Sen Jan. Lo spettacolo vede esibirsi sul palco 60 giovani artisti che con le loro perfomance portano il pubblico in un viaggio in giro per il mondo, alla ricerca di artisti di ogni genere che andranno a comporre il cast del nuovo strabiliante circo dei talent. Ballerini, attori e cantanti si alterneranno regalando emozioni e divertimento al pubblico, lanciando un messaggio importante sulla meraviglia della diversità; che spesso viene percepita come negavita e pericolosa. Lo spettacolo va in replica domenica domenica alle 15:30 alla Gran Ciasa di Soraga.

Leggi tutto...

CAMPIONI DELLO SPORT AL PALADOLOMITES

Appuntamento da non perdere giovedì 8 novembre alle ore 18:00 al Paladolomites di località Palua a Campestrin di Fassa, dove gli ex campioni Kristian Ghedina, Amedeo Pomilio e Giorgio Cagnotto animeranno il convegno intitolato «Un solo cuore che batte», incentrato sul rapporto tra i giovani atleti e le figure dell’allenatore e del genitore nell’ambito territoriale di riferimento. L’evento rappresenterà un’altra tappa importante del percorso di avvicinamento ai Mondiali Junior di sci alpino della Val di Fassa, in programma dal 18 al 27 febbraio 2019. L’iniziativa, non a caso, ha tra i promotori proprio il comitato organizzatore della rassegna iridata giovanile e l’Union di Ladins de Fascia, con la collaborazione dell’Università di Trento e la partecipazione del Comun General de Fascia e del Panathlon Club Trento. Durante la serata, che vedrà impegnato nelle vesti di moderatore il giornalista e telecronista sportivo della Rai Stefano Bizzotto, interverranno alcuni atleti che hanno scritto pagine importanti della storia dello sport italiano, quali l’ex campione dello sci alpino Kristian Ghedina, il più vittorioso discesista azzurro della storia in Coppa del Mondo e ambasciatore dei Mondiali di Cortina 2021. Assieme a lui ci saranno Amedeo Pomilio, ex atleta e campione olimpico della pallanuoto, ora vice allenatore della nazionale maggiore e già campione del mondo a livello giovanile nelle vesti di coach, quindi Giorgio Cagnotto, ex tuffatore plurimedagliato alle Olimpiadi e ai campionati europei, nonché bronzo iridato, attuale allenatore della nazionale italiana di tuffi. Durante la serata ci saranno anche gli interventi della dott.ssa Sabrina Rasom (vice presidente nel NPLD, Network to Promot Linguistic Diversity e responsabile della politica linguistica del Comun General de Fascia) e del professor Paolo Bouquet, Pro-Rettore con delega per lo Sport.

Leggi tutto...

LIONS CLUB DI FIEMME E FASSA IN RIUNIONE

Al Palafiemme di Cavalese giovedì 8 novembre il club Lions Fiemme e Fassa organizza una serata speciale per aprire nuove opportunità, stimolare riflessioni attraverso storie imprenditoriali di successo di alcune aziende della valle. Business nati in territori di montagna che sono stati capaci di raggiungere posizioni apicali nel loro segmento di mercato. Si parlerà di strategie di mercato, di persone, di ambiente e di come il territorio fiemmese fassano possa diventare valore aggiunto, sia per chi lavora che per chi sceglie un'azienda, un marchio oppure un prodotto. All’incontro interverranno l’amministratore delegato de La Sportiva Lorenzo Delladio, l’Ad di Fiemme 3000 Marco Felicetti, ma anche l’amministratore del Pastificio Felicetti Riccardo Felicetti, il direttore tecnico della Misconel Gianni Misconel e l’amministratrice delegata di Eurostandard Marisa Zeni, moderati in un tavolo di confronto dal presidente della G&A Group Davide Gabrielli.

Leggi tutto...

Sei qui: RadioeTV Home NOTIZIE LADINE

Questo sito usa cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione e le funzionalità per l'utente.

Proseguendo la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Chiudi